Testo: Marco Bileddo

Realizzazione scenica e costumi: Marco Bileddo e Tina Latorre

Realizzazione pupazzi e maschere: Tina Latorre

Musiche originali (organetto e tamburo): Tina Latorre

Tecnica utilizzata: Teatro d'attore e Pupazzi in gommapiuma

Età consgliata: dai 5 in sù

Durata: 50 min.

 

Arturo e sua moglie Betta aspettano un bambino. Betta chiede sempre delle cose strane da mangiare. Un giorno chiede ad Arturo di portarle delle mele. Arturo non trova le mele. Ma ritornando a casa si imbatte in un giardino pieno di alberi di mele, che non aveva mai visto prima, e prende un po’ di mele. Il giardino però è magico e appartiene ad un Orco che sorprende Arturo mentre prende alcune mele. L’orco prima  minaccia di mangiarlo, ma poi gli chiede una strana promessa: vuole fare il padrino al figlio che gli nascerà, e nel caso dovesse essere una femmina, quando compirà 15 anni andrà a vivere con lui per sempre. Arturo è costretto a dare la sua parola e quindi promette. Il destino volle che nacque proprio una bambina dal nome Florinda. I genitori non dicono nulla alla figlia dell’orco, ma quando i due si incontrano…

Presentato in prima nazionale presso il Teatro di Pulcinella di Bari, Dicembre 2015

 

 

Scarica la Scheda 

TEMATICHE

Florinda e l'Orco ha la struttura di una fiaba classica: un principe trasformato in orco da una strega, una bella ragazza, animali che parlano, un giardino incantato e soprattutto tanta magia. 

In ognuno di noi alberga un Orco. La forza primigenia che teniamo a bada. L'Orco rappresenta anche l'altro, colui del quale abbiamo paura perché diverso da noi. Florinda e l'Orco è uno spettacolo che pone l'accento sulla accettazione, sulla capacità di andare al di là dell'aspetto, guardando l'anima e il cuore di una persona.

Florinda e l'Orco sono due personaggi che si completano a vicenda; ognuno dei due realizzerà i desideri dell'altro. Sullo sfondo tutti gli altri personaggi rappresentano una vasta gamma di sentimenti e caratteri ben delineati: così la gallina Olga è l'invidia; il cane Filly rappresenta la fedeltà; Betta, la madre di Florinda, è una donna che pensa solo ai beni materiali; Arturo, il padre di Florinda, rappresenta la pazienza, ma anche la paura e la viltà; infine il Principe Orchideo, rappresenta la bellezza che ognuno di noi ha dentro.

La presenza in scena di attori veri, pupazzi, maschere e musica dal vivo rende lo spettacolo ancora più coinvolgente agli occhi dei bambini (ma anche degli adulti), creando così una atmosfera ancora più magica. 

La semplicità della storia e del linguaggio rende questo spettacolo adatto anche ad un pubblico di piccolissimi.

CARATTERISTICHE

Abbiamo deciso di non inserire musiche registrate. Nello spettacolo viene utilizzato un solo strumento (l’organetto), utilizzato dal narratore per raccontare gli eventi tra una scena e l’altra. Quindi abbiamo voluto porre l’attenzione sul silenzio e sulla capacità, da parte del pubblico, di concentrarsi sulle parole e sulla narrazione.

Galleria fotografica
1/4
Guarda il promo
torna indietro